Stampa

20 febbraio 2019

Digital transformation: ostacoli e soluzioni per affrontarla

di Letizia Cilente, Communication Manager - Retelit

La digitalizzazione dell'intero Paese ha condotto le aziende a diventare sempre di più "fabbriche intelligenti". Questo concetto è strettamente legato a quello di Industry 4.0 che rappresenta un nuovo modo di pensare l'azienda e il business facendo leva su robot, oggetti connessi e realtà aumentata. Un vero e proprio mix di tecnologie, informatizzazione, programmazione e connessione che ha portato tutte le aziende a ripensare i propri modelli e a scontrarsi con quella che analisti e mondo scientifico hanno chiamato "digital transformation".

Il concetto di trasformazione digitale, pur essendo da tempo tra i temi fondamentali dell'agenda dei CEO, degli imprenditori, dei CIO e del Governo, rappresenta per alcune realtà ancora qualcosa di oscuro e misterioso, un motivo di preoccupazione e una strada senza uscita.

La prima difficoltà da affrontare è legata al cambio di paradigma culturale da promuovere all'interno dell'azienda. Le organizzazioni non sono ancora pronte a ripensare in modo digitale e smart i propri processi e sistemi. Ne conseguono la paura e la mancanza di visione che non permettono di pianificare a lungo termine una strategia di crescita in ottica 4.0, è una questione di investimenti ma anche di figure manageriali spesso poco in grado di programmare nel tempo attività efficaci legate all'innovazione tecnologica.

Se da un lato troviamo preoccupazioni e ansie, dall'altro non possiamo non tener conto che il tempo è il vero fattore chiave! Alcune tecnologie (soprattutto quelle legate all'IoT, alla smart city e smart home, al 5G e alla sicurezza) stanno già cambiando l'operatività aziendale, nei prossimi mesi gli IT Manager dovranno più di tutti farsi pionieri di questo cambiamento nelle loro organizzazioni, prima possibile e velocemente.

Le aziende che hanno già intrapreso dei percorsi di trasformazione digitale sono riuscite a migliorare la loro relazione con i clienti, ottimizzando i processi ed eliminando sprechi nella catena del valore, diventando più competitivi sul proprio mercato di riferimento e più veloci nel produrre e proporre servizi sul mercato.

Sono quattro i pilastri su cui fonda una buona strategia legata alla trasformazione in ottica digital del proprio business:
- la rete. Un'infrastruttura sicura e moderna garantisce continuità dei sistemi e delle applicazioni, scegliere una tecnologia basata sul Software Defined Network, inoltre, permette di far interagire e integrare reti ibride in modo agile e intelligente. Nessuna azienda può non considerare una soluzione di connettività di questo tipo.
- la sicurezza. Difendere i sistemi e i dati aziendali ma anche le informazioni dei propri clienti, prevenendo fault e data breach, non è più una scelta ma un obbligo.
- l'integrazione dei cloud. Con il multicloud è possibile far "dialogare" ambienti private e public e sistemi in Data Center armonizzando la gestione delle applicazioni e delle infrastrutture in modo flessibile, creare un ambiente unico vuol dire anche risparmio di tempo e di investimenti.
- il monitoraggio delle applicazioni. Attraverso un approccio top-down, al verificarsi di un’anomalia si ha la possibilità di identificare in modo semplice e immediato l’elemento di criticità dell’intera filiera di erogazione del servizio prevenendo in maniera strategica fault di sistemi.


Condividi

Hai bisogno di più informazioni? Compila il form per essere ricontattato.